Porsche-Taycan-clone-digitale-controllerà-remoto
0

Porsche ha annunciato un importante aggiornamento del software per la Porsche Taycan il quale creerà un “clone digitale” di ogni singola auto.

La creazione di questi “cloni” avviene attraverso la raccolta dei dati dei sensori di bordo, oltre alle informazioni derivate da riparazione e manutenzione, ha spiegato la casa automobilistica in un comunicato stampa. L’obiettivo è il monitoraggio remoto e l’analisi dei dati, utilizzati per migliorare sia il singolo veicolo che la flotta.

Un algoritmo software, ad esempio, potrebbe seguire lo stile di guida del conducente e il modo in cui il veicolo viene utilizzato; in base ai dati raccolti arriverebbe a consigliare intervalli di manutenzione personalizzati. Inoltre, i dati potrebbero essere utilizzati anche per prevedere l’usura potenziale e i guasti dei componenti, determinando esattamente quando devono essere sostituiti.

Il clone digitale di Porsche Taycan monitorerà le sospensioni automatiche

Inizialmente, il clone digitale della Porsche Taycan verrà utilizzato per il monitoraggio delle sospensioni pneumatiche: al superamento dei limiti di usura preimpostati, i clienti vengono avvisati e viene loro consigliato di portare l’auto in un centro di assistenza per l’ispezione.

Questo programma pilota richiederà ai clienti di aderire e, finora, circa la metà di coloro che hanno veicoli idonei ha acconsentito, ha affermato Porsche.

Calvin Kim, portavoce di Porsche Cars North America, ha detto: “La tecnologia verrà implementata tramite aggiornamento OTA (over-the-air) per l’intera flotta Taycan con la configurazione delle sospensioni appropriata installata non appena avremo raccolto dati sufficienti sulla flotta per assicurarci che gli algoritmi funzionino correttamente per ogni cliente”.

Dopo il lancio di questa prima versione il prossimo anno, Porsche prevede di aggiungere altre funzioni, incluso l’uso dei dati della flotta per rilevare potenziali problemi e consigliare nuove procedure di manutenzione.

Comments

Comments are closed.

Altri articoli in Curiosità