hill holder come funziona assistenza partenza salita
0

Nel manuale del conducente provetto la ripartenza in salita è da sempre una vera prova di abilità e di guida esperta che può mettere in difficoltà molti automobilisti. Per fortuna in soccorso di chi ha poca esperienza, o dei piedi poco sensibili, arriva il tecnologico sistema Hill Holder, l‘assistenza per la partenza in salita.

Cos’è l’Hill Holder

Hill Holder è un sistema elettronico, dotato di spia, che permette a un’auto con cambio automatico o manuale di migliorare e semplificare le partenze in salita.

Una volta provato potrai renderti conto dell’effettiva validità e del comfort che offre il sistema Hill Holder durante le partenze difficili.

Storicamente parlando, l’invenzione non è particolarmente moderna, risulta infatti presentata dalla Studebaker già nel 1936, anche se il nome è stato successivamente depositato dalla Subaru. Altre versioni dello stesso meccanismo vengono usate da varie case automobilistiche con nomi commercialmente diversi, ma con lo stesso principio di base.

Come funziona il sistema Hill Holder?

Il funzionamento dell’Hill Holder è abbastanza semplice: un sensore collegato con l’ESP riconosce una pendenza superiore al 2% e, all’atto della pressione del pedale del freno, si attiva bloccando le ruote per evitare che il veicolo scivoli indietro.

Quando il pedale del freno viene rilasciato, l’Hill Holder resta attivo ancora per un paio di secondi in maniera tale da favorire una ripartenza ottimale, senza bisogno di forzare acceleratore e frizione.

Cosa vuol dire Hill Holder non disponibile?

Un problema che accomuna molti automobilisti e che potresti trovarti ad affrontare riguarda la spia accesa con il messaggio “Hill Holder non disponibile”. Questo, ovviamente, è un chiaro segnale che indica che il sistema non è in funzione.

Quando l’Hill Holder è fuori uso, non puoi pensare di risolvere il problema in autonomia, devi quindi rivolgerti al tuo meccanico di fiducia in modo che possa usare la giusta strumentazione e fare una diagnosi accurata del problema.

Comments

Comments are closed.

Altri articoli in Guide pratiche