Come-proteggere-lauto-dal-sole-metodi-e-trucchi
0

Le condizioni estreme possono mettere a dura prova la tua auto: durante l’inverno hai a che fare con temperature spesso molto rigide, parabrezza ghiacciati e neve da spalare. Durante l’estate, invece, i problemi sono altri: clima rovente, sedili che scottano, plastiche che si rovinano. Come correre ai ripari? Ecco alcuni semplici accorgimenti che puoi seguire per proteggere l’auto dal sole. 

Come proteggere l’auto dal sole: riflettiamo sulla sosta (letteralmente)

Cercare-ombra-per-proteggere-auto-sole

L’abitacolo di un’auto lasciata al sole per tutta la giornata rischia di raggiungere temperature davvero molto elevate: se possibile usa parcheggi sotterranei e garage o, in alternativa, parcheggiala sotto un qualsiasi riparo sufficientemente ampio.

Attenzione però: ricordati di considerare i movimenti del sole (o meglio della terra) che andranno a modificare la posizione dell’ombra. Fai queste considerazioni anche quando non sono disponibili parcheggi ombreggiati: è infatti sempre consigliabile “offrire al sole” la parte posteriore dell’auto. Il motivo? Il parabrezza, a differenza del lunotto, lascia al calore un ampio spazio per penetrare all’interno del veicolo.

Per la sosta a casa invece, e non solo per il parcheggio al lavoro o in città, in assenza di un garage puoi ricorrere all’uso di un telo integrale per proteggere l’auto dal sole e dalle intemperie più leggere.

In commercio puoi trovare anche dei particolari ‘ombrelloni’ per auto dotati di base motorizzata e ventosa da appoggiare al tetto del veicolo. Come funzionano? Con un telecomando si aziona il motore che fa distendere i bracci fino a creare un’ampia struttura rigida al di sopra dell’auto. Un vantaggio ulteriore di questo sistema è quello di proteggere l’auto anche dalla  grandine.

Parasole-per-proteggere-auto-dal-sole

In ultimo, un accessorio sempre utile che può esserti d’aiuto per proteggere la macchina dal sole è certamente il parasole: nonostante alcuni lo considerino un sistema un po’ retrò, offre un’ottima protezione se realizzato con materiali termoriflettenti. Punto bonus a favore di questa scelta sono i simpatici disegni con cui sono decorati questi accessori: potresti innamorartene.

Caratteristiche dell’auto: aspetti da tenere in considerazione

Se sei in procinto di scegliere il colore della tua prossima auto, considera che optare per una carrozzeria dai colori chiari o dai colori scuri può fare una bella differenza: le tinte scure tendono ad assorbire il calore e a trasferirlo verso l’abitacolo, mentre le tinte chiare, come il bianco, il panna o il grigio chiaro, riflettono buona parte dei raggi solari garantendo una temperatura interna fino a sei gradi inferiore.

Se il modello lo consente, potresti inoltre optare per un oscuramento parziale dei finestrini posteriori. In caso di auto nuova, se le modifiche vengono apportate durante la produzione, non avrai alcun tipo di problema. Diverso il discorso in caso di oscuramenti aftermarket: presta molta attenzione, perché se non rispetti la normativa sull’oscuramento vetri auto ti esponi al rischio di sanzioni, oltre ad essere pericoloso dal punto di vista della sicurezza. 

Come prendersi cura dell’auto lasciata al sole

Se lasci l’auto al sole abitualmente, è importante agire tempestivamente: ricordati di prenderti cura dei sedili e ogni altro elemento in pelle dell’abitacolo con prodotti nutrienti appositi, così da prevenire screpolature o, peggio, rotture decisamente antiestetiche.

Le plastiche sono un altro elemento che non deve essere trascurato: anche in questo caso è importante trattarle con appositi prodotti disponibili in qualsiasi negozio specializzato. Adottando questi accorgimenti eviterai che il cruscotto si sbiadisca o che elementi particolarmente delicati, soggetti a frizioni o molto sollecitati, come il rivestimento del volante, vadano in pezzi per gli eccessivi sbalzi di temperatura.

Come proteggere l’auto dal sole: consigli extra

Ecco qualche ultimo consiglio per proteggere l’auto dal sole:

  • Se ti trovi a dover affrontare un’auto rovente, utilizza il climatizzatore solo dopo aver arieggiato l’interno aprendo i finestrini. Ti consigliamo la lettura del nostro articolo sugli errori da non commettere con l’aria condizionata in auto.

  • Attenzione alla direzione delle bocchette dell’aria condizionata: l’aria fredda contro il parabrezza caldo potrebbe causare uno shock termico, danneggiando il vetro. Nel caso in cui si sia formata una crepa e il parabrezza si sia rotto, scopri cosa fare nel nostro articolo “Parabrezza dell’auto rotto: quali sono i rischi e cosa fare!”

Comments

Comments are closed.

Altri articoli in Guide pratiche